Casale Monferrato, prorogato al 29 marzo il Bando Amianto.

Casale Monferrato, prorogato al 29 marzo il Bando Amianto.

I privati potranno presentare le richieste di contributo. Quest’ultimo per ottenere il parziale rimborso delle spese sostenute per la rimozione di coperture e “feltri” in amianto.

È stato prorogato fino al 29 marzo 2019 il Bando Amianto. Riferito non solo al Comune di Casale Monferrato ma a tutti i comuni facenti parte del SIN (Sito di Interesse Nazionale). Fino a tale data i privati potranno presentare le richieste di contributo. Difatti serviranno ad ottenere il parziale rimborso delle spese sostenute per la rimozione di coperture e “feltri” in amianto.

Per presentare la domanda si deve contattare l’ufficio Ambiente ed Ecologia del Comune di Casale Monferrato (via Mameli, 10 – piano primo, tel: 0142 444211, mail: [email protected], orario: dal lunedì al venerdì 10-12, mercoledì pomeriggio 14,30-16,30).

L’opera di bonifica di tutto il Sin prosegue speditamente da diversi anni. Però sono ancora presenti in Monferrato numerosi manufatti in amianto,  al contrario delle altre realtà nazionali. Difatti unicamente per il Sin di Casale Monferrato sono a disposizione anche dei contributi economici privati. Quantomeno per incentivare la rimozione di coperture e feltri.

 

Chi non provvede alla rimozione di tali manufatti ha obblighi di legge da adempiere. Uno di questi è la periodica manutenzione e verifica tramite personale qualificato.

Tutto questo, ha costi rilevanti ed eventuali pesanti sanzioni economiche in caso di inadempienza. Per questo i cittadini sono fortemente invitati ad approfittare. Nonché potrebbe essere una delle ultime “finestre” del Bando Amianto.

 

I sindaci potranno sollecitare i responsabili.

I sindaci dei Comuni del Sin, e l’ufficio Ambiente ed Ecologia del Comune di Casale Monferrato sono a disposizione per raccogliere le segnalazioni dei cittadini. Qualora ravvisassero l’eventuale presenza di amianto (anche in stato di abbandono) in aree private. Grazie a questo tipo di segnalazioni i sindaci sollecitano i responsabili a provvedere. Difatti con apposite ordinanze, portandoli alla bonifica in caso di inerzia.

 

Non dimentichiamo il Bando ISI INAIL.

Bando di Finanziamento a Fondo Perduto, promosso dall’INAIL (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro). Soprattutto al fine di incentivare gli investimenti delle Imprese all’intervento. Questi ultimi votati al miglioramento della sicurezza sul lavoro. Vengono pertanto finanziati con contributi fino ad un massimo del 65% delle spese ammesse.

Pertanto, vengono finanziati con contributi fino ad un massimo del 65% delle spese ammesse. Nonché per l’ ASSE AMIANTO mette a disposizione 97.417.862 di euro.