BANDO ISI 2018 – SUDDIVISIONE DELLE RISORSE

BANDO ISI 2018 – SUDDIVISIONE DELLE RISORSE

BANDO ISI 2018. SUDDIVISIONE DELLE RISORSE.

 

Lo scorso 20 Dicembre 2018, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Bando ISI 2018. Come abbiamo scritto, quest’anno l’INAIL mette a disposizione quasi 370 milioni di euro.

 

In ogni modo, si tratta della somma “più alta stanziata nelle nove edizioni dell’iniziativa” come ci tiene a precisare l’INAIL.

 

Sicurezza sul lavoro, suddivisione delle risorse.

 

Per inciso, i fondi previsti dal bando Isi 2018 verranno suddivisi nei seguenti cinque “assi”, distinti in funzione dei destinatari e del tipo di progetti che verranno realizzati.

– Asse 1 (Generalista).

–  …… 2 (Isi Tematica).

–  …… 3 (Isi Amianto).

–  …… 4 (Isi Micro e Piccole Imprese).

–  …… 5 (Isi Agricoltura).

 

 1 : mette in palio circa 182 milioni di euro per progetti che si dividono in due sotto-capitoli, di cui il primario è rappresentato da “progetti di investimento” (al quale sono destinati oltre 180 milioni di euro).

 

Mentre l’altro è costituito dai “progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale” . (a cui vanno i restanti 2 milioni di euro).

 

Ad eccezione di quanto previsto espressamente per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti del secondo tipo compresi nell’Asse 1.2 ovvero “progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale”.

 

Per le quali non è previsto un limite minimo di finanziamento, in linea generale, il finanziamento minimo che può essere riconosciuto è pari a 5 mila euro.

 

Inoltre, ogni singolo progetto potrà ricevere fino al 65% della spesa sostenuta per ogni progetto ammesso sulla base dei parametri indicati nel bando e comunque non oltre 130 mila euro.

 

 2 : mette a disposizione circa 45 milioni di euro. Che serviranno per  sostenere progetti finalizzati sistematicamente alla riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi.

 

 3 : stanzia per progetti di bonifica da materiali contenenti amianto la somma di quasi 100 milioni di euro che è riservata alle imprese, anche individuali, dislocate su tutto il territorio nazionale.

E che sono iscritte al registro delle imprese oppure all’albo delle imprese artigiane, mentre sono escluse da questo finanziamento le Pmi del settore agricolo.

 

 4 : è rivolto esclusivamente alle Pmi del settore pesca e tessile, abbigliamento, pelle e calzature. E mette a disposizione per i loro progetti. Una dote di 10 milioni di euro.

 

 5 : ci sono a disposizione circa 35 milioni di euro a favore delle Pmi agricole . Per finanziare progetti per le micro e piccole imprese che operano nel settore della produzione dei prodotti agricoli. Di cui 5 milioni di euro sono dedicati ai giovani agricoltori under 40 organizzati anche in forma societaria.